CHI SIAMO

PINTO ROSA

Le case vacanza Trulli Arco Antico, nasce dall'idea di far vivere il nostro piccolo borgo fatto di trulli come un posto speciale dove trascorrere le proprie vacanze. La magia dei trulli ormai affascina tutto il mondo, e dormire in una di queste particolari abitazioni è un esperienza quasi mistica, da fare almeno una volta nella vita.

Trulli Arco Antico è stato completamente ristrutturato da mani sapienti, in modo da lasciare il fascino antico della tipica pietra bianca che lo contraddistingue, senza tralasciare il minimo particolare. Lo stesso nome ci è venuto in mente perchè abbiamo lasciato tutti gli archi di pietra presenti nel borghetto, riportandoli solo a nuova vita.

I Trulli Arco Antico è ubicato in una valle molto silenziosa, dove al mattino l'unico rumore che si può ascoltare sono il cinguettio degli uccellini, e ti regaleranno momenti di tranquillità e relax, grazie al meraviglioso paesaggio circostante e renderanno indimenticabili le tue vacanze in Puglia mostrandoti tutta la bellezza che offrono i paesaggi della Valle d’Itria.

Le case vacanza Trulli Arco Antico sono costituite da cinque trulli chiamate: Ulivo, Limone, Carrube e Vite e Arancio Luxury ognuno con una caratteristica diversa e unica l'una dall'altra e sono pronte ad accoglierti con tutto il calore che meriti.

Il nostro obiettivo è il tuo relax

Facciamo il meglio per tutti i nostri Ospiti. Vieni a visitare il nostro borgo...

Colazione
Inclusa

Aperitivo Bordo Piscina
Aggiuntivo

ANGOLI DEL NOSTRO BORGO

CENNI STORICI SU COME NASCONO I TRULLI

 Il termine trullo deriva dalla parola greca trullos che significa cupola. Va detto, comunque, che la parola trullo è un termine piuttosto recente e sicuramente di derivazione dotta e scientifica.
Il termine con cui venivano chiamate  queste costruzioni a secco, nell'Altosalento e in tutta la Murgia dei trulli, era  semplicemente "casedda", letteralmente piccola casa.  Di questo si tratta in realtà, di una modesta ma confortevole casa costruita dai contadini che sagacemente utilizzavano la materia prima più abbondante qui da noi: la pietra calcarea.

Il nostro è un terreno carsico con un sottile strato di terra rossa. Apulia petrosa, così veniva chiamata dagli antichi l'odierna Puglia, è il riferimento era proprio a quella zona della Puglia centro meridionale oggi a cavallo fra le province di Bari, Taranto e Brindisi  dove si è sviluppata quella civiltà contadina che ha modificato (con tanto sudore e sacrifici), una terra non  adatta a colture agricole redditizie. Il contadino sceglieva il posto dove costruire il trullo, in genere nella parte più rocciosa meno adatta alle coltivazioni, poi dissodava e plasmava il terreno eliminando la roccia affiorante che veniva utilizzata per la costruzione della base del trullo e dei muretti a secco. Dalla roccia calcarea spesso a  strati facilmente divisibili in lastre  si ricavavano le chiancarelle (pietre calcaree piatte) che, posate a secco (senza utilizzo di malta)  l'una sull'altra si elevavano in cerchi concentrici che man mano si restringevano fino a chiudere la volta conica. Diverse forme di pinnacoli chiudono il vertice del trullo: croci, stelle, sfere e altri simboli dal significato cristiano  o scaramantico. Per la pavimentazione del trullo si utilizzavano lastre sottili di pietra calcarea sapientemente levigate: le chianche.

Ed ecco che il laborioso e inventivo lavoro dei contadini ha prodotto questo nostro paesaggio: terreni geometricamente divisi dai muretti a secco, uliveti e vigneti, mandorli e frutteti e... una miriade di trulli (se ne contano a migliaia per la maggior parte utilizzati e in buono stato di conservazione).
La storia di questa originale cittadina risale alla seconda metà del XVII sec., quando i conti di Conversano (i conti Acquaviva), feudatari del posto, autorizzavano i contadini a costruire un nuovo villaggio con abitazioni costruite a secco senza utilizzo di malta, in maniera da poterle subito demolire in caso di ispezione regia (i feudatari, infatti, dovevano pagare un tributo al re per la costruzione di nuovi centri abitati).

Cosi nascono i trulli come dimora povera dei contadini, sino ad arrivare ad oggi dove il valore sia storico che architettonico ha assunto un valore inestimabile, infatti oggi vengono ritenute abitazioni di lusso e basta guardare la città di Alberobello con il suo immenso centro storico completamente realizzato con i trulli. da visitare assolutamente.

TORNA SU